Dienstag, 29 März 2016

ARCHITETTURA di vinificazione # 1 – Antinori

blog

Iniziamo un nuovo ciclo, in cui mostriamo gli edifici vigneti. Sceglieremo gli oggetti che riteniamo unici e spettacolari. Ecco, vi presentiamo il primo episodio.

Una bella immagine. L’immagine come quella di Kubrick in “Odissea nello spazio”. Questo progetto di Archea Associati, un noto architetto fiorentino, fatto per Antinori, un gigante toscano del vino. La lumaca integrata in un tramonto impressionante. Poi, c’è qui un colore rosa delicato…

E questa architettura che non determinerebbe il metodo di produzione di vino? Non potrebbe influenzare il gusto del vino? E’ una domanda retorica. Ma sarebbe bene se fosse così, diciamo chiudere questo paesaggio in una bottiglia di Chianti Classico. Sarebbe un vero successo. La modernità immersa nella tradizione. E’ un buon messaggio. Il vino Antinori, non l’abbiamo bevuto da tanto tempo, ma ciò ci spinge di riprovare il vino da questo produttore noto.

Diamo un’occhiata precisa alla lumaca, forse la parte più cruciale ed emblematica della cantina  Antinori. 4 rotoli di scale e l’albero. L’albero che potrebbe, fondamentalmente, essere un pungiglione della lumaca. Un collegamento perverso. Alcuni dei migliori Chianti Classico ci offrono una punta d’acido che inizia un finale lungo. Magari questo pungiglione è un simbolo di giusta acidità nel vino? Le immagini così ci sforzano a fare speculazioni creative.

Una lunga salinata delle scale diventa, anche, un simbolo –  cioè il miglioramento continuo della qualità. Oppure è un’allegoria di scale mistiche verso il cielo? O forse la Torre di Babele. In poche parole: Associati aveva la fantasia.

L’edificio di sera sembra altrettanto impressionante che al tramonto. Il cielo di zaffiro, un fondo adeguato per la chiocciola e l’arco. Vediamo anche i buchi neri che non solo rompono lo spazio-tempo, ma mescolano il giorno con la notte proprio sulle colline toscane. Nient’altro che aprire una bottiglia di vino.

 

Ed ora uno sguardo all’interno della cantina. Le gabbie di degustazione in vetro, sospese sopra il mare delle botti. Spazi pubblici, alienati, ma aperti. Dove degustazioni si svolgono senza segreti. Fortissimo.

Mostriamo ancora un’altra foto degli interni. L’immagine futuristica. Le colonne fenomenali e asimmetriche in tandem sostenendo il soffitto diventano un’allegoria di che cosa? Di un’unità umanistica in un’azione comune. Può darsi…

Vi presenteremo un’altra architettura di vinificazione, ma questo già un’altra volta.

DUE

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht.

  • über uns

    Wir lieben Wein und alles, was mit ihm verbunden ist. Auf dem Blog präsentieren wir bacchanalian motiv in der Malerei und Skulptur, inspirierende Innenraume, Garten und Weinkeller, sowie schöne Objekte, die wir mit Wein und Kunst verbunden ist. Das Thema des Blogs ist in sechs Kategorien unterteilt: Innenraume, Malerei, Objekte, Weinkeller, Skulptur, Wein.
  • Klassen

  • Facebook

  • KONTAKT

    Schreiben Sie uns:

    office@design-due.com

  • Statistiken

    Besucher heute: 2